Anci Lombardia



Notizie Circolari Multimedia Dipartimenti AGENDA BILANCIO SOCIALE EUROPA

Chi Siamo Organi Come associarsi Contatti Newsletter Lavora con noi Amministrazione trasparente

Area riservata
CIRCOLARI

Circolare n. 9/19

Legge di stabilità 2019 – Nota lettura con testo a fronte e dichiarazione Dipartimento finanza locale

10 Gennaio 2019

Circolare n. 9/19


Milano, 11 gennaio 2019
Prot. N.83/19
Circolare n. 9/19
Ai Signori
Sindaci
Assessori alle finanze
Responsabili di settore
e.p.c. Organi di Anci Lombardia

Oggetto: Legge di stabilità 2019 – Nota lettura con testo a fronte  e dichiarazione Dipartimento finanza locale

Gentilissimi,
in allegato alla presente inviamo la nota di lettura analitica delle norme di interesse per gli Enti locali contenute nella Legge di bilancio 2019 elaborata da Anci – Ifel.
Di seguito, inoltre, riportiamo in calce  la comunicazione diffusa dal Dipartimento finanza locale di Anci Lombardia, presieduto dal dr. Andrea Orlandi a commento della Legge.

Cordiali saluti.
Rinaldo Mario Redaelli
Segretario Generale di Anci Lombardia


COMUNICATO STAMPA
Legge di stabilità, Orlandi: "molteplici sfaccettature"
Milano, 10 Gennaio 2019 - "Siamo di fronte a una Legge di stabilità dalle molteplici sfaccettature: se da un lato come Anci siamo vicini alla battaglia dei grandi Comuni, che avvertono una preoccupante inversione di tendenza sul fronte dei fondi a disposizione, con il taglio di ulteriori 110 milioni di euro del fondo compensativo IMU e il mancato riconoscimento di 560 milioni di euro relativi al taglio del DL 66 scaduto nel 2018, dall'altra evidenziamo come per i piccoli e medi centri fino ai 20 mila abitanti sono stati liberati 400 milioni di euro per investimenti nella manutenzione e messa in sicurezza di scuole, strade ed edifici pubblici". Questo il commento di Andrea Orlandi, Presidente del Dipartimento finanza locale di Anci Lombardia, alla Legge di stabilità 2019.
Orlandi evidenzia inoltre come "tra gli aspetti positivi del provvedimento segnaliamo il ripristino delle risorse destinate al bando periferie, il definitivo superamento del saldo di competenza e l'introduzione di alcune semplificazioni a beneficio dei piccoli Comuni, mentre non possiamo che definire incomprensibili e inefficaci le sanzioni previste per i Comuni sui ritardi dei pagamenti. Infine sembrano dimenticati altri temi come il ristoro degli aumenti contrattuali del personale o la rinegoziazione di tutti i mutui in capo alla Cassa Depositi e Prestiti".
"Sulla base di queste osservazioni chiediamo quindi nell’immediato un intervento correttivo e un confronto con il governo", ha concluso Orlandi

ANCI Lombardia © 2019  |  C. fiscale 80160390151  P. Iva 04875270961